Skip to main content

È difficile conoscere il valore dell'acqua fino a quando non è sparita.

Marco UdallEx senatore degli Stati Uniti

Storicamente, si presumeva che l’acqua fosse essenzialmente gratuita e abbondante, quindi la quantità di acqua utilizzata nelle imprese e nei settori pubblici era in genere di scarsa preoccupazione. Le aziende e il settore pubblico stanno ora risentendo degli impatti della scarsità d’acqua e, di conseguenza, stanno rispondendo a vari livelli. La scarsità d’acqua è guidata dalla crescita della popolazione e dall’espansione industriale, che sono ulteriormente complicate dagli effetti negativi dei cambiamenti climatici come siccità ed eventi meteorologici estremi. Questa combinazione di fattori sta ponendo vincoli all’accesso e all’uso dell’acqua anche in alcune aree geografiche in cui l’acqua è stata storicamente abbondante.

Benefici dell’acqua

L’acqua ha valore per ogni persona, azienda, settore pubblico, servizio idrico ed ecosistema. Dare un valore all’acqua è impegnativo perché è una risorsa condivisa e non tutti hanno la stessa visione dell’acqua – sia il valore che valori. Ci sono molte variabili che determinano il valore dell’acqua per una persona o un’azienda.

Dal punto di vista degli attributi fisici, la quantità e la qualità sono le più significative, in parte perché determinano quanta acqua è disponibile e se l’acqua è potabile o adatta ad altri scopi (ad esempio l’irrigazione). Ci sono rischi con la quantità e la qualità a causa della diminuzione della quantità di acqua dolce e della crescente quantità di inquinamento idrico dovuto alla crescita della popolazione, ai cambiamenti climatici, all’urbanizzazione e all’aumento dei redditi (JP Morgan, 2008).

La quantità e la qualità sono i fattori fondamentali della gestione dell’acqua, ma se vogliamo muoverci verso strategie di gestione dell’acqua, dobbiamo guardare alle “cinque dimensioni dello sviluppo sostenibile: politica, sociale, economica, ambientale e culturale” (Chelby, 2014). Il concetto di acqua come bene economico è stato sviluppato come parte del Vertice della Terra di Rio de Janeiro, nel 1992. È stato ampiamente discusso durante la Conferenza internazionale sull’acqua e l’ambiente ed è stato trasformato nel Dichiarazione di Dublino sull’acqua e lo sviluppo sostenibile (Dichiarazione di Dublino sull’acqua e lo sviluppo sostenibile, 1992). I principi di Dublino sono stati importanti per identificare la necessità di una gestione integrata delle risorse idriche come segue:

  1. L’acqua è una risorsa limitata, vulnerabile ed essenziale che dovrebbe essere gestita in modo integrato.
  2. Lo sviluppo e la gestione delle risorse idriche dovrebbero basarsi su un approccio partecipativo, coinvolgendo tutte le parti interessate.
  3. Le donne svolgono un ruolo centrale nella fornitura, gestione e salvaguardia dell’acqua.
  4. L’acqua ha un valore economico in tutti i suoi usi concorrenti e dovrebbe essere riconosciuta come un bene economico.

È importante sottolineare che gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) del 2015 hanno ora un obiettivo e metriche dedicate all’acqua (Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: 17 obiettivi per trasformare il nostro mondo, 2017). L’SDG 6 è dedicato all’accesso all’acqua potabile, ai servizi igienico-sanitari e all’igiene.

Capitale naturale e valore dell’ecosistema

Quantificare il valore monetario dell’acqua per i servizi ecosistemici è una considerazione critica quando si valuta l’acqua per i settori pubblico e privato. I valori globali e per ettaro degli ecosistemi sono stati calcolati sulla base della stima dei valori indiretti degli ecosistemi acquatici nel controllo delle inondazioni, nella ricarica delle acque sotterranee, nella stabilizzazione del litorale e nella protezione delle coste, nel ciclo e nelle ritenzioni nutrizionali, nella depurazione delle acque, nella conservazione della biodiversità, nelle attività ricreative e turistiche.

Il valore della gestione deriva dalla convinzione (morale o religiosa) che gli esseri umani siano obbligati a preservare un certo livello di qualità dell’acqua, anche quando non ci sono benefici per il prelievo o l’uso a valle. Invece di una responsabilità o di un obbligo di mantenere alta la qualità dell’acqua, il valore altruistico riguarda il piacere che le persone ricevono dal sapere che gli altri godono di benefici di prelievo o di utilizzo instream. Il valore del lascito è simile al valore della gestione dell’acqua, dove c’è la convinzione che gli esseri umani esistenti siano obbligati a mantenere un livello accettabile di qualità dell’acqua da “lascito” alle generazioni future. Infine, il valore di esistenza deriva dalla soddisfazione che alcuni provano nel sapere che esiste un livello accettabile di qualità ambientale. Per quanto riguarda questi valori, se la qualità dell’acqua diminuisce, allora gli obiettivi di gestione, lascito ed esistenza potrebbero non essere raggiunti, mentre i relativi benefici diminuiscono (Dumas, Schuhmann e Whitehead, 2005).

Valore spirituale e culturale

Mentre un bene economico speciale e le linee guida di cui sopra ci portano più avanti nella valutazione dell’acqua, dovremmo essere consapevoli che l’acqua ha anche una dimensione culturale. Sarebbe difficile quantificare il valore spirituale dell’acqua, tuttavia, tutte le principali religioni del mondo, buddismo, cristianesimo, induismo e islam, attribuiscono un valore spirituale significativo all’acqua (Groenfeldt, D. Water Ethics: A Values Approach to Solving the Water Crisis. Earthscan, 2014).

Ad esempio, nei funerali buddisti, l’acqua viene versata fino a traboccare in una ciotola posta di fronte ai monaci e ai defunti. Nel cristianesimo, l’acqua è usata nel battesimo e nel lavaggio, che simboleggia la purificazione e la purificazione. Gli indù credono che tutta l’acqua, in particolare i fiumi, siano sacri perché si crede anche che abbia proprietà purificanti e venga utilizzata per raggiungere la purezza fisica e spirituale. Con questo importante valore posto sull’acqua, è un elemento necessario in quasi tutti i riti e le cerimonie per l’induismo. Nell’Islam, l’acqua è riconosciuta come l’origine di tutta la vita sulla Terra, come la sostanza da cui Dio ha creato l’uomo e come una risorsa di sostegno e purificazione.

Ignorare come non quantificabile, il valore spirituale dell’acqua quando si considera il valore complessivo dell’acqua significherebbe ignorare secoli di tradizione e rituali applicati da più della metà della popolazione mondiale.

Visione del valore basata sul rischio aziendale

L’acqua, proprio come tutte le risorse, ha un valore che varia a seconda del suo uso o non uso. Tuttavia, il rischio idrico per le aziende è in genere inquadrato come avente tre dimensioni di rischio: fisico, normativo e reputazionale. Molte aziende affrontano questi tre tipi di rischi che interrompono la continuità aziendale. I rischi fisici derivano da problemi di quantità e qualità. I problemi sono abbastanza semplici, troppa poca acqua (scarsità), troppa acqua (inondazioni) o acqua di scarsa qualità. Le cause di questi rischi non sono così semplici e sono una combinazione di problemi: sovra-allocazione, siccità o disastri naturali. Il rischio fisico ha un impatto sulle aziende lungo tutta la catena del valore: catena di approvvigionamento a monte, operazioni e, in alcuni casi, utilizzo del prodotto. Per molte aziende anche la scarsa qualità dell’acqua può rappresentare un rischio, come nel settore della produzione di semiconduttori, che richiede acqua ultrapura per la produzione.

Questi rischi idrici si traducono in impatti finanziari. Esistono tre “canali principali” attraverso i quali i rischi relativi alla scarsità d’acqua o all’inquinamento possono influire sulle prestazioni finanziarie, sulle perdite finanziarie, sui costi più elevati e sulla crescita ritardata o soppressa. Le perdite finanziarie derivano da entrate perse a causa di un processo di produzione rallentato (JPMorgan, 2008). Una mancanza di acqua o di qualità dell’acqua potrebbe far perdere profitti a un’azienda perché non sono in grado di produrre quanto avrebbero con acqua di alta qualità. Un problema con la perdita finanziaria potrebbe derivare dal rischio reputazionale dovuto a un sentimento pubblico negativo nei confronti di un’azienda, che induce le persone a smettere di acquistare il prodotto.

L’ultimo canale che influisce sulla performance finanziaria è la crescita ritardata o soppressa a causa dell’intensificarsi della concorrenza per l’acqua. La mancanza di quantità e / o qualità è una minaccia imminente per le operazioni aziendali perché le persone hanno bisogno di acqua insieme ad altre imprese. Ad esempio, se un’azienda si trova in un’area sottoposta a grave siccità (rischio fisico), si spera che il regolamento assegni l’acqua alle persone che ne hanno bisogno perché la salute è la priorità numero uno quando si tratta di carenza idrica o declino della qualità dell’acqua.

Esperti Qatium

Will Sarni è il fondatore e CEO di Water Foundry ed è uno dei tanti esperti con cui co-creiamo Qatium.

Risorse

  • Chelby, J. (2014). Il valore dell’acqua Economia dell’acqua per un uso sostenibile. L’economia
    e Social Review, [online] 45(2), pp.207-222. Disponibile qui.
  • Dumas, C., Schuhmann, P. e Whitehead, J. (2005). Misurare i benefici economici dell’acqua
    Miglioramento della qualità con trasferimento dei benefici: un’introduzione per i non economisti. Americano
    Simposio della società della pesca. [online] Disponibile qui.
  • La dichiarazione di Dublino sull’acqua e lo sviluppo sostenibile. (1992). In: Internazionale
    Conferenza sull’acqua e l’ambiente. [online] Nazioni Unite. Disponibile qui.
  • Groenfeldt, D. (2014) Etica dell’acqua: un approccio ai valori per risolvere la crisi idrica. (Earthscan).
  • JP Morgan (2008). Guardare l’acqua: una guida per valutare i rischi aziendali in un mondo assetato.
    Ricerca azionaria globale. [online] Disponibile qui.
  • Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite: 17 obiettivi per trasformare il nostro mondo. (2017). Traguardo
    6: Garantire l’accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari per tutti. [online] Disponibile qui.
William Sarni

About William Sarni