Skip to main content

Non si può negare che il futuro sia già qui – e le reti idriche devono recuperare.

Nel novembre 2021, ho ospitato un panel all’Aquatech di Amsterdam sul futuro delle reti di distribuzione dell’acqua. Ho avuto la fortuna di essere affiancato da tre esperti di acqua provenienti da tutto il mondo per discutere di questo argomento.

Ho parlato con
Gavin Van Tonder
, Executive Director of Water di NEOM,
Darren Coleman
, System Performance Manager di Anglian Water Services e
Luke Butler
, Director of Innovation di Qatium, su ciò a cui le utility devono pensare ora per essere preparate per il futuro.

Guarda il pannello qui o continua a leggere per il mio articolo.

Il qui e ora: lo stato attuale della distribuzione dell’acqua e l’adozione della tecnologia digitale

Per dare il via alle cose, ho chiesto al panel come appare lo stato attuale della distribuzione dell’acqua in relazione all’adozione della tecnologia digitale. È interessante notare che sia Darren che Luke si sono concentrati sul fatto che dobbiamo essere consapevoli del fatto che stiamo lavorando con un orologio che ticchetta quando si tratta di trasformazione digitale.

Darren ha iniziato spiegando come non possiamo permetterci di perdere l’opportunità della trasformazione digitale della rete, soprattutto se consideriamo l’invecchiamento della forza lavoro nel settore. È giunto il momento, ha detto, di essere agili e abbracciare tutto, dall’apprendimento automatico e dalla generazione di algoritmi al deep learning. Tuttavia, ha anche detto che dobbiamo essere consapevoli di poter fornire una visualizzazione di esattamente ciò che stiamo cercando di ottenere.

D’accordo con Darren, Luke ha detto che potremmo aspettare la trasformazione digitale, ma sta accadendo proprio ora e che molte di queste cose – in particolare l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico – hanno bisogno di dati. Dobbiamo raccogliere quei dati ora: più dati raccogliamo, meglio gli algoritmi possono funzionare.

Ma, riconoscendo la resistenza storica del settore alla raccolta di dati su larga scala, Darren ha riconosciuto che dobbiamo raccogliere i dati giusti per guidare il giusto tipo di valore e che dobbiamo abbracciare un approccio collaborativo più ampio di lavorare con altre utility e fornitori per essere in grado di guidare quel valore.

La proposta di valore della tecnologia idrica digitale: guardare da dove veniamo a dove siamo diretti

Ma qual è la value proposition della trasformazione digitale dei servizi idrici? Ho posto questa domanda al panel – e Gavin in particolare ci ha portato attraverso un interessante background sui precedenti tentativi di digitalizzare il settore.

Ha menzionato il fatto che, storicamente, ci sono stati percepiti “benefici” della dipendenza dei servizi idrici dalla tecnologia proprietaria legacy. In passato, alcune utility hanno implementato 1 milione di dispositivi intelligenti che venivano utilizzati solo per fatturare le persone piuttosto che utilizzare in modo intelligente le informazioni raccolte da loro. Ciò è spesso dovuto al fatto che i fornitori di tecnologia non sono disposti ad aggiungere altri sensori o dispositivi concorrenti alle loro reti.

Ha aggiunto che il 5G è una completa interruzione di questo mercato poiché potrebbe essenzialmente portare a plug and play piuttosto che a una rete su misura – ad esempio, i contatori elettrici potrebbero essere collegati alle reti cellulari per portare interoperabilità e concorrenza.

Tuttavia, ha osservato che Singapore ha già tre reti in atto per i trasporti, l’energia e l’acqua della stessa azienda, e quelle reti si rifiutano ancora di parlare tra loro. Questo dimostra, ha detto, che anche se sei nella stessa azienda, non vuoi comunque condividere informazioni con nessun altro.

Commentando NEOM – una città saudita in costruzione per incorporare tecnologie di smart city – Gavin ha detto che fin dall’inizio, stanno guardando alle esigenze dei clienti e a ciò che si aspettano da una rete di distribuzione più di ogni altra cosa. E, dice, questo include più sensori, la connettività che il 5G ci darà e il
Gemelli digitali
che lo guideranno e visualizzeranno alcuni di questi output.

Concludendo, abbiamo parlato di come se potessimo mettere sensori di pressione, sensori di qualità dell’acqua e sensori di temperatura su 5G su una rete, potremmo finire con una rete integrata che può effettivamente parlare tra loro. È stato detto che con
Qatium
, siamo già a un punto in cui possiamo analizzare in modo intelligente la rete e sapere dove posizionare meglio i monitor di pressione critica e individuare le perdite.

Ma come si presenta la trasformazione digitale delle reti di distribuzione dell’acqua?

Luke, parlando del suo argomento preferito – i gemelli digitali – ha menzionato come ci forniscono l’accesso a molti più dati su scala rapida e che piattaforme come Qatium possono convalidare le previsioni che stiamo già facendo sui modelli idraulici.

Concludendo la discussione, ho affermato che non conosceremo davvero la proposta di valore completa che la trasformazione digitale può offrire fino a quando le tecnologie non cambieranno effettivamente i modelli di business e guideranno la creatività in termini di creazione di valore – che rimane da vedere, per ora, su larga scala.

Will Sarni è uno degli esperti con cui stiamo lavorando per co-creare Qatium. Dai un’occhiata al suo profilo – e ad altri esperti con cui lavoriamo – qui.

William Sarni

About William Sarni