Skip to main content

Lo stack tecnologico del futuro sarà molto diverso dallo stack tecnologico su cui si basavano le utility dieci anni fa. Ma come potrebbe – e dovrebbe – essere lo stack tecnologico di un’azienda idrica in futuro?

Di seguito, condivido i miei pensieri su:

  • Le sfide della creazione di uno stack tecnologico a prova di futuro
  • Come saranno gli attributi a prova di futuro
  • Gli impatti sulle utility più piccole con risorse limitate

Le sfide della creazione di uno stack tecnologico

Prima di tutto, il futuro è qualcosa di altamente incerto. Nessuno può prevedere il futuro, in particolare quando la tecnologia sta cambiando così rapidamente insieme a rischi globali come il cambiamento climatico.

Ciò significa che, a livello di base, quando pensiamo alla tecnologia che ci porterà nel futuro, dobbiamo portare con noi l’imprevedibilità del futuro e il suo impatto sulle utility.

Quali sono gli attributi di uno stack tecnologico a prova di futuro?

In poche parole, la tecnologia del futuro dovrà essere facilmente scalabile e qualcosa che sia facilmente aggiornabile come le soluzioni plug-and-play.

Prevedo anche che questo tipo di tecnologia diventerà onnipresente a causa delle economie di scala. Tutto sarà digitalizzato in futuro e le utility idriche ne trarranno vantaggio. Per quanto riguarda le economie di scala, uno stack tecnologico a prova di futuro dovrà anche essere accessibile, e non solo per i grandi attori.

Possiamo già vedere questo cambiamento in atto in termini di software e come, con l’intelligenza artificiale, stia diventando più facile per le varie parti interessate utilizzare ed essere supportate durante lo svolgimento delle loro normali attività.

Quali sono i vantaggi di uno stack tecnologico a prova di futuro per le parti interessate?

La tecnologia di cui stiamo discutendo aiuterà tutte le utility in tutto il mondo, indipendentemente dalle loro dimensioni. Diamo un’occhiata ai vantaggi per una varietà di parti interessate.

Vantaggi per le piccole utenze

In particolare, le utility più piccole che hanno risorse umane e finanziarie limitate da investire sentiranno l’impatto di uno stack tecnologico a prova di futuro. Poiché la tecnologia sarà più economica ed efficace, le utility più piccole saranno in grado di godere di enormi miglioramenti sia nel funzionamento che nella gestione dell’acqua.

Vantaggi per i paesi in via di sviluppo

Credo che l’Africa sub-sahariana, il Sud America e il Sud-Est asiatico – o parti del Sud-Est asiatico – trarranno immensi benefici da questa tecnologia. Ciò è dovuto alle utility frammentarie e più piccole che sono alla disperata ricerca della tecnologia che aiuterà la limitata capacità operativa ad essere utilizzata al massimo.

Vantaggi per gli operatori

Gli operatori che sono molto esperti o quelli che sono attratti nel settore negli ultimi tempi trarranno vantaggio da questa tecnologia perché avranno molto più supporto in termini di ciò che deve essere fatto. Ad esempio, con questa tecnologia dell’acqua, saranno in grado di prevedere e pianificare facilmente lo scenario – in situazioni normali, non sarebbero in grado di farlo.

Consigli per le utility più piccole su come iniziare a costruire uno stack tecnologico a prova di futuro

Il modo migliore per muovere i primi passi verso la digitalizzazione sarebbe quello di investire in alcuni dispositivi di misurazione e software di simulazione in modo che gli operatori possano effettivamente creare una replica digitale dei loro sistemi. In questo modo, possono testare diversi modi di gestire gli scenari futuri.

Esperti Qatium

Dragan Savic è CEO del KWR Water Research Institute e anche professore di idroinformatica presso l’Università di Exeter. Dragan è uno dei tanti esperti con cui co-creiamo Qatium.

Dragan Savic

About Dragan Savic