Skip to main content

La trasformazione digitale delle operazioni e dei sistemi può creare un valore sostanziale per i servizi idrici. Con questo potenziale significativo, tuttavia, le utility spesso commettono errori quando si tratta di perché e come stanno investendo in determinate tecnologie, portando a rendimenti deludenti sugli investimenti.

Di seguito, condivido i miei pensieri su come le utility possono iniziare i loro percorsi di trasformazione digitale di successo, tra cui:

  • Come le utility possono evitare di iniziare un percorso di trasformazione digitale senza una destinazione chiara
  • Uno sguardo alle tecnologie su cui le utility si stanno attualmente concentrando
  • I problemi derivanti dall’investimento nelle tecnologie sbagliate
  • Come iniziare in piccolo, ma con obiettivi finali più grandi in mente

Trasformazione digitale: perché le utility hanno bisogno di una destinazione finale

Il digitale è davvero importante in questo momento nel settore idrico. “Acqua digitale” è la parola d’ordine attorno alla quale tutto ruota.

Naturalmente, le utility devono iniziare il loro viaggio digitale da qualche parte. Quello a cui sto assistendo, tuttavia, è che molti stanno iniziando il viaggio senza una destinazione chiara in mente. In un certo senso, questo crea problemi poiché molti sforzi e risorse saranno investiti nei loro viaggi digitali, ma i risultati non sempre seguiranno l’esempio.

Per questo motivo, è estremamente importante che le utility considerino attentamente i loro obiettivi finali, abbiano un’idea chiara di ciò che vogliono raggiungere e valutino gli obiettivi strategici che vogliono ottenere prima di intraprendere la digitalizzazione dell’utilità.

La tecnologia su cui le utility si stanno attualmente concentrando

Il panorama tecnologico è in continua evoluzione e vorrei sempre separare la discussione tra hardware e software.

L’esempio più comune di hardware che vediamo è
la misurazione intelligente basata su AMI
per raccogliere quantità significative di dati dagli utenti finali. Anche i sensori di pressione e i sensori di qualità dell’acqua sono stati implementati da remoto, il che continua la tendenza dei dati SCADA.

In termini di software,
gemelli digitali
sono il “concetto caldo” in questo momento, poiché forniscono una comprensione in tempo reale di ciò che sta accadendo a livello di sistema. Allo stesso tempo, penso che ci siano molti sistemi di supporto alle decisioni basati su motori di intelligenza artificiale, il che significa che le utility hanno molte opzioni tra cui scegliere. Il problema è che le utility non hanno sempre un’idea chiara di quale tecnologia hanno bisogno e perché.

I problemi derivanti dagli investimenti nella tecnologia sbagliata

In questo momento, stiamo assistendo a molti investimenti nella tecnologia dell’acqua che a volte sono supportati dalle amministrazioni. Un buon esempio di ciò è la Spagna, dove nei prossimi mesi saranno investiti 3 miliardi di euro nell’acqua digitale.

Il problema che vedo spesso, tuttavia, è la mancanza di un pensiero chiaro e strategico quando si tratta di applicare soluzioni digitali. Ci sono molti investimenti in hardware – di solito contatori intelligenti – e penso che uno dei problemi che questo può causare è che quando non c’è ritorno su un grande investimento, inevitabilmente crea dubbi a medio termine.

Mentre questo investimento genererà un’enorme quantità di dati, spesso non esiste un piano chiaro per ciò per cui i dati verranno utilizzati. Gli investimenti in questo tipo di tecnologia non sono investimenti una tantum. Ad esempio, nel caso dei contatori intelligenti, questi dovranno essere rinnovati in pochi anni e alla fine sostituiti, il che rappresenterà un altro investimento significativo – e senza un piano, le utility non possono aspettarsi di vedere un ritorno sull’investimento.

Consigli per le utility che intraprendono i loro viaggi digitali

Che il digitale “entri in gioco” o meno, penso che la gestione dell’acqua rimanga la stessa. L’ABC deve prima avere una strategia chiara in mente: quali sono i tuoi obiettivi strategici? Dove vuoi essere tra 10 anni? Da lì, le utility possono progettare un piano digitale efficace per raggiungere tali obiettivi.

Alcune utility inoltre non hanno una piena comprensione del potenziale di queste nuove tecnologie. In questi casi, le utility potrebbero pilotare schemi di diverse tecnologie, ad esempio sia contatori intelligenti che un gemello digitale allo stesso tempo. Ciò può aiutare queste utility a valutare se vogliono ridurre l’acqua non redditizia o migliorare le operazioni e scalare da lì. Questi investimenti più piccoli possono dare alle utility un’idea molto più chiara di dove vogliono andare dopo.

Tecnologie idriche digitali come
Qatium
sono una buona opzione per questo tipo di implementazione incrementale. È una soluzione gratuita e open source che le utility possono scalare in una soluzione molto più professionale in grado di soddisfare tutte le loro esigenze.

Per concludere, le utility hanno bisogno di due cose per un percorso di trasformazione digitale di successo: un’ottima comprensione di ciò che vogliono ottenere e iniziare con piccoli investimenti con l’intenzione di una crescita continua.

Esperti di Qatium


Enrique Cabrera
è Senior Vice President dell’International
Water Association
ed è uno dei
tanti esperti
che co-creiamo con Qatium.

Enrique Cabrera

About Enrique Cabrera