Skip to main content

Quando Samuel Taylor Coleridge scrisse nella
Rime of the Ancient Mariner
, “Acqua, acqua, ovunque, né goccia da bere”, non aveva in mente la situazione idrica globale del 21 ° secolo. Ma, tenendo conto della licenza poetica, non era lontano dall’essere corretto.

In quella che sta diventando una storia sempre più comune in questi giorni, molte città rischiano di rimanere senza acqua potabile. La crisi idrica è ora classificata come uno dei maggiori rischi globali in termini di impatto sulla società secondo il
Rapporto sui rischi globali 2020 del World Economic Forum
. Mentre le città di tutto il mondo affrontano sempre più sfide per la sicurezza idrica, l’adagio “l’acqua è il nuovo petrolio” è diventato un cliché. Questo è simile a ciò che è diventato di “data-is-the-new-oil”, che riflette il valore economico dei dati che possono essere raffinati e utilizzati in vari modi per una trasformazione digitale di successo. Tuttavia, c’è una differenza preoccupante tra queste due idee: il petrolio è una risorsa scarsa e limitata mentre i dati sono nuovi e freschi, una risorsa abbondante e infinita.

Se invece dovessimo pensare ai dati come alla nuova acqua, potrebbe portarci a riflettere sul ruolo che i dati e la trasformazione digitale possono assumere nel settore idrico per raggiungere sicurezza idrica e sviluppo sostenibile per tutti, per favorire una maggiore efficienza uso dell’acqua e, in definitiva, per democratizzare l’accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari gestiti in modo sicuro in modo che nessuno è lasciato indietro.

L’integrazione dei dati e la trasformazione digitale nel settore idrico possono aiutare a conservare le risorse idriche, collegare i punti tra gli utenti dell’acqua e le politiche relative all’acqua, portare a cambiamenti comportamentali, stimolare l’innovazione e rafforzare la resilienza delle comunità, soprattutto in un contesto fragile come la pandemia di COVID-19. Tuttavia, questa integrazione richiede volontà politica, una solida infrastruttura, una buona governance, finanziamenti sostenibili e investimenti a lungo termine con impegno impegnato da parte di tutte le parti interessate!

Gli ultimi casi in Chennai (India)e Città del Capo (Sudafrica) non sono unici in termini di un “Giorno Zero” crisi idrica. Day Zero ci ha dato un duro promemoria di ciò che può accadere quando la sicurezza idrica diventa fragile e cosa può accadere se continuiamo a fare affari come al solito con la gestione dell’acqua nell’era moderna.

Improvvisi compromessi sulla sicurezza idrica minacciano oggi molti paesi. Ci sono già circa 700 milioni di persone in 43 paesi che soffrono di scarsità d’acqua e quasi la metà della popolazione mondiale vivrà in aree ad alto stress idrico entro il 2030, tra cui tra 75 milioni e 250 milioni di persone in Africa². Inoltre, le crisi idriche in aree con un rischio da alto a molto alto di siccità, come il Medio Oriente, potrebbero spostarsi tra
24 milioni e 700 milioni di
persone.

Cosa significa esattamente la trasformazione digitale per la sicurezza idrica urbana?

La trasformazione digitale è ovunque. Consente alle organizzazioni e alle utility di ottenere una gestione efficace del ciclo di vita delle risorse. Tuttavia, instilla paura e incomprensione nel settore idrico. Quando si considera un tale cambiamento di paradigma, sia in modo proattivo che reattivo, è fondamentale capire come la trasformazione digitale può funzionare per il settore idrico.

Una lezione che abbiamo imparato dal progressivo fallimento delle riforme del settore idrico è che dobbiamo guardare prima di saltare. Significa che la strategia, non la tecnologia, guida la trasformazione digitale nel settore idrico.

Definiamo “sicurezza idrica urbana” come:La capacità dinamica del sistema idrico e delle parti interessate dell’acqua di salvaguardare un accesso sostenibile ed equo a quantità adeguate e a una qualità accettabile dell’acqua che sia continuamente, fisicamente e legalmente disponibile a un costo accessibile per sostenere i mezzi di sussistenza, il benessere umano e lo sviluppo socioeconomico, per garantire la protezione contro l’inquinamento causato dall’acqua e i disastri legati all’acqua e per preservare gli ecosistemi in un clima di pace e stabilità politica.”

Come può la trasformazione digitale ottenere un cambiamento di paradigma per i servizi idrici del futuro nelle città con scarsità d’acqua?

Molte aziende idriche oggi affrontano la sfida fondamentale di fare di più con meno per soddisfare il diritto umano all’acqua e ai servizi igienico-sanitari di fronte alla pressione inarrestabile delle crescenti richieste (dovute alla crescita della popolazione e all’urbanizzazione) e ai cambiamenti climatici. Questo diritto fondamentale è legato alla gestione tradizionale dell’acqua dei sistemi idrici lineari, al modello di trasferimento “big pipes in, big pipes out”, ai fondi pubblici normativi e ambientali insufficienti e scarsamente mirati, e alle politiche definite senza allineare gli obiettivi con le risorse richieste e le sfide sociali. Tutte queste sfide esercitano una grande pressione sul modo in cui l’acqua viene gestita nelle città, sul modo in cui viene gestito il servizio e sul quadro del modello di business e di entrate. Pertanto, il sistema finisce per operare in un circolo vizioso di gestione dell’acqua, causando problemi cronici come un alto livello di acqua non fatturata e un approvvigionamento idrico intermittente.

Sicurezza idrica urbana Mosca

Fontana nell'argine della Crimea, Mosca, Russia.

Considerando queste sfide, il “business as usual” non è un’opzione per raggiungere l’obiettivo di sviluppo sostenibile 6 sull’acqua e i servizi igienico-sanitari gestiti in modo sicuro. Per affrontare le sfide di cui sopra, la gestione digitale dell’acqua offre potenziali promettenti attraverso il quadro (IREAP) (Infrastrutture, riparazione, consapevolezza economica e pressione) come un modo per spostare sistematicamente il circolo vizioso della gestione dell’acqua in un ciclo virtuoso e sostenibile. Tecniche avanzate tramite un modello idraulico dinamico in tempo reale, rilevamento delle perdite, gestione della pressione e previsione della domanda di acqua, tra gli altri, consentono all’utility di comprendere meglio il sistema e di prendere decisioni informate basate su dati in tempo reale.

La trasformazione digitale per la sicurezza idrica urbana richiede un approccio globale al modo in cui gestiamo l’acqua oggi, lavorando per coinvolgere tutte le parti interessate dell’acqua —non solo ingegneri e stakeholder tipici dell’acqua, ma anche clienti all’interno delle comunità. Ciò consente alla comunità dell’acqua di sfruttare il potenziale dell’acqua digitale e di valutare e affrontare tutte le sfide legate all’acqua, per spostare le città con scarsità d’acqua in città sicure per l’acqua, soprattutto per coloro che sono rimasti indietro e per i poveri che sono stati colpiti per primi e peggio dagli effetti della crisi idrica e dei cambiamenti climatici.

Una lezione che abbiamo imparato dal progressivo fallimento delle riforme del settore idrico è che dobbiamo guardare prima di saltare. Significa che la strategia, non la tecnologia, guida la trasformazione digitale nel settore idrico

Hassan AboelngaVicepresidente del Middle East Water Forum e ricercatore
Hassan Aboelnga

About Hassan Aboelnga