Skip to main content

“Ci tornerò”. Probabilmente il più famoso one-liner robotico nella storia del cinema. Ovviamente, viene da Arnold Schwarzenegger che interpreta lo spaventoso robot Model 101, mandato indietro nel tempo per assassinare Sarah Conor nel film del 1985, Terminator.

Mentre le immagini di macchine dagli occhi rossi e metalliche potrebbero ancora perseguitare le persone quasi 30 anni dopo, i robot sono diventati più strettamente incorporati nel tessuto della nostra società di quanto si possa pensare.
Linee di assemblaggio robotizzate che richiedono movimenti ripetitivi con precisione millimetrica e coerenza sono responsabili di molti degli articoli che consumiamo oggi, dalle automobili al cibo e ai vestiti.

E la “consegna il giorno dopo”, guidata da Amazon Prime e ora prevista di serie dai clienti? Senza una forza lavoro di oltre 200.000 robot mobili, questo non sarebbe possibile. Il colosso online non sarebbe mai in grado di soddisfare l’insaziabile appetito online per i suoi prodotti senza questo esercito di bot automatizzati. Uomo, donna e macchina non hanno altra scelta che lavorare in armonia per spedire una quantità così colossale di merci.

Elon Musk ha recentemente affermato che la sua azienda di veicoli elettrici, Tesla, è probabilmente la “più grande azienda di robotica” perché le sue “auto sono robot semi-senzienti su ruote”. Ciò ha coinciso con l’annuncio del “Tesla Bot”, un robot umanoide che funziona sulla stessa IA utilizzata dalla sua flotta di veicoli autonomi. I prototipi dovrebbero essere rilasciati all’inizio del 2022.

Un nuovo proprietario

Dalla rivoluzione industriale, le apparecchiature automatizzate e i robot hanno aiutato la società a evolversi e ad allontanare le persone da lavori ripetitivi e spesso pericolosi.

Boston Dynamics è un’azienda che spinge i confini di portare i robot “al di fuori delle linee di assemblaggio”. Molti di voi avranno familiarità con i suoi video che mostrano robodog Spot e Atlas, i bambini poster robot dell’azienda, testati in condizioni di vita reale.

Dall’ostacoli sui tronchi in un terreno innevato al rimettersi in piedi dopo essere stati spinti e saltare tra le scatole in un percorso d’assalto improvvisato, la coppia è diventata sinonimo di evoluzione robotica.

E questi robot ballano! In un video, l’azienda ha mostrato la sua famiglia di robot (Atlas, Spot and Handle, il robot più alto progettato per i magazzini) sincronizzato con “Do you love me” di The Contours.

I robodog di Boston Dynamics Spot e Atlas in azione.

Una nuova direzione?

Boston Dynamics è stata recentemente acquisita dal gigante automobilistico sudcoreano Hyundai, che ha aumentato la sua quota di proprietà all’80%. Hyundai è la terza società a possedere Boston Dynamics, uno spinoff del MIT acquistato da Google nel 2013 e poi SoftBank nel 2017 (che possiede ancora il 20%).

Il piano di Hyundai di creare una “catena del valore della robotica” attraverso la produzione, la costruzione e l’automazione arriverà come un gradito sollievo dalle crescenti preoccupazioni di Spot e, di fatto, i robot vengono sfruttati per scopi militari e di applicazione della legge.

Questa è una buona notizia. Tale narrazione è stata ripetuta più e più volte come una trama distopica in troppi film (Robocop, Chappie, i, robot e, naturalmente, QUELL’episodio di Black Mirror, Metal Head). Avvertimento e consiglio qui: sempre una buona idea guardare il video di spot dance dopo aver visto Metal Head, poiché un detergente per il palato dovrebbe diventare troppo distopico e deprimente.

Altrove i robot vengono impiegati all’interno di molte industrie di ingegneria ambientale, vale a dire la gestione dei rifiuti, il riciclaggio e il trattamento delle acque reflue. Tuttavia, forse non hanno ricevuto la stessa attenzione di Spot di Boston Dynamic.

Sono nella fortunata posizione in cui posso parlare con aziende tecnologiche e start-up in tutto il mondo, compresi gli imprenditori che si rivolgono ai robot. Negli oltre 15 anni in cui mi sono occupato di industrie di ingegneria ambientale, tra cui energie rinnovabili, riciclaggio, gestione dei rifiuti e recentemente mi sono specializzato in acqua nell’ultimo decennio, ho assistito a un aumento dell’innovazione in questo settore. Ecco alcuni esempi degni di nota che vorrei condividere.

In prima [recycling] linea

Gli impianti di selezione dei rifiuti e del riciclaggio, noti come MRF (Materials Recovery Facilities), stanno giocando a recuperare il ritardo con il settore dell’ingegneria automobilistica sui robot. Parti del processo di selezione, compresa la separazione dei “contaminanti”, come le materie plastiche non desiderate per gli utenti finali e i mercati, sono rimaste molto manuali.

Ho visitato MRF in passato per testimoniarlo in prima persona. I raccoglitori umani sono spesso “l’ultima linea di difesa della qualità” per individuare eventuali anomalie che potrebbero essere scivolate attraverso la rete di smistamento di varie soluzioni allineate insieme.

Eppure è emerso il momento per riciclare i robot! La società finlandese ZenRobotics ha guidato il cambiamento con un piccolo esercito di bracci robotici di smistamento dei nastri trasportatori. L’organizzazione si è occupata specificamente di costruzione e demolizione (rifiuti C & D). Ha visto un enorme potenziale nell’automatizzare e smistare le montagne di calcestruzzo, metalli, vetro, legno e amianto che venivano generate e che necessitavano di smistamento per poi uscire per il ritrattamento.

In genere sostituendo circa 10-15 raccoglitori umani, l’azienda ritiene che il beneficio per la salute e la sicurezza abbia un enorme vantaggio.

Quando ho intervistato per la prima volta il CEO ho scherzato: “Beh, immagino che i robot non si rilassino sui loro telefoni, giusto?” Ha risposto rapidamente e seriamente: “I robot lavorano giorno e notte, non hanno pause pranzo, non fanno pause caffè, non escono per le sigarette, non vanno a casa per dormire”.

Robot ad alta velocità ZenRobotics per il recupero di materiale.

Il boom dei robot di riciclaggio

Il successo iniziale nella costruzione ha scatenato un boom di robot. Le stime di Goldstein Research prevedono che il mercato dei robot per la raccolta dei rifiuti varrà circa 12,24 miliardi di dollari entro il 2024.

Un’altra collaborazione degna di nota di cui mi sono occupato è stata tra la società spagnola Sadako Technologies e la società statunitense Bulk Handling Systems (BHS). Combinando l’IA sviluppata in Spagna con la tecnologia del braccio robotico degli Stati Uniti, il matrimonio transatlantico ha portato alla nascita di un sistema chiamato Max-AI.

Da allora, ci sono stati vari sviluppi. BHS ha lanciato il sistema Max-AI AQC-C composto da un Max-AI Visual Identification System (VIS) e almeno un robot collaborativo, altrimenti noto come CoBot.

Mentre molti dei primi robot di raccolta differenziata sono stati progettati per lavorare in isolamento dagli esseri umani, principalmente a causa di problemi di salute e sicurezza dovuti allo sfaldamento degli arti robotici, i CoBot possono invece lavorare a fianco delle persone. Come ho scritto in un articolo per la rivista WMW all’epoca, è tempo di dimenticare le rigide e meccanizzate azioni di smistamento robotico del passato.

Questi CoBot invece hanno bracci imbottiti che si muovono in un movimento più fluido. Meno robotico e rigido; più elegante, fluido e, semmai, più umano. Il settore del riciclaggio e dei rifiuti ha visto altri sviluppi, che possono essere letti in quell’articolo. Per me, uno degli elementi più interessanti è l’umanizzazione delle selezionatrici robotizzate per lavorare a fianco dei raccoglitori di rifiuti, non sostituirli .

Robot di scansione delle fognature

Né si tratta solo di rifiuti e riciclaggio che accolgono amici robotici. Mentre le reti di acqua potabile sono state inondate da nuove soluzioni per aiutare a rilevare le perdite e migliorare la gestione delle risorse, le reti di acque reflue (fognature) non hanno ricevuto la stessa attenzione. Eppure i tempi stanno cambiando.

Sono state sviluppate soluzioni per aiutare le aziende idriche a ottenere un quadro più chiaro delle precedenti risorse “profonde, oscure e nascoste”, come le fogne.


Dall’automazione dell’ispezione delle immagini CCTV delle fognature
della società australiana VAPAR alla start-up britannica nuron che mira a combinare il monitoraggio delle fognature con
la capacità 5G
, vi è una nuova innovazione in questo settore. Ed è qui che entrano in gioco i robot.

Una società con cui ho parlato dall’India, Fluid Robotics, ha recentemente vinto l’Imagine H2O’s 2020 Urban Water challenge Audience Choice Award per i suoi robot di sorveglianza delle acque reflue basati sull’intelligenza artificiale
che aiutano a mappare le fogne indiane
.

Dopo aver prototipato un robot negli Stati Uniti, l’azienda ha convinto il dipartimento di approvvigionamento idrico di Mumbai a realizzare un progetto pilota. In totale, sono stati identificati 18 scarichi di acqua piovana che stavano scaricando fognature grezze in un lago.

Oggi i robot di scansione delle fognature si sono evoluti. Un piccolo esercito di robot può valutare fogne di 6-8 pollici di diametro, fino a grandi tunnel d’acqua. Inizialmente focalizzate sulla valutazione delle condizioni e quindi sull’analisi della qualità dell’acqua, le recenti modifiche hanno permesso ai bot modificati di raccogliere campioni per il rilevamento di Covid-19.

Robotica fluida

Fluid Robotics sviluppa analisi robotiche delle condutture per risolvere i problemi idrici nei paesi in via di sviluppo.

Il futuro sembra luminoso

L’integrazione dei robot e la più ampia area dell’intelligenza artificiale (AI) nella forza lavoro non hanno la migliore reputazione. I critici spesso sollevano preoccupazioni sul fatto che gli esseri umani vengano sostituiti da alternative meccaniche automatizzate. E cosa succede se rinunciamo a troppo controllo? Troppa potenza nelle mani dell’IA potrebbe avere conseguenze devastanti. Una frase che ho sentito una volta da un ingegnere consulente lo riassume bene: “Se lasciamo che l’IA gestisca i servizi idrici, finiremmo con fiumi pieni di pesci morti, o peggio”.

Un modo alternativo per guardare a questa naturale evoluzione della forza lavoro è come gli strumenti avanzati possono integrare i team e liberare tempo per le persone a fare ciò che le persone sanno fare meglio: interazione umana, design collaborativo e creatività.

Alcuni ruoli sono semplicemente più adatti ai robot e all’intelligenza artificiale. Ad esempio, l’inserimento di dati o ingegneri qualificati che copiano e incollano progetti di impianti o che selezionano rifiuti di costruzione pesanti e sporchi nel caso menzionato in precedenza. L’automazione consente di elaborare volumi più elevati di dati, o di fatto di oggetti, in modo rapido ed efficiente.

Piuttosto che “tornerò” con un minaccioso e pesante accento austriaco, forse uno slogan migliore per i robot dovrebbe essere “torneremo … e noi siamo qui per aiutarti”.


Tom Freyberg è un giornalista pluripremiato e fondatore e direttore di


Atlantean Media


, specializzata nella creazione di contenuti per il settore idrico globale.

Tom Freyberg

About Tom Freyberg