Skip to main content

L’invecchiamento delle infrastrutture, la rapida espansione della popolazione e il cambiamento climatico presentano enormi sfide per i nostri attuali sistemi idrici. Con gran parte del mondo che sta vivendo e affrontando la scarsità d’acqua, ora è il momento di pensare oltre le infrastrutture e le reti idriche convenzionali da cui siamo arrivati a dipendere.

Di seguito, do un’occhiata alle opportunità che abbiamo per reimmaginare e ripensare i nostri attuali sistemi idrici che possono contribuire a salvaguardare le risorse idriche del futuro. Questi includono:

  • Il riutilizzo dell’acqua per ridurre la pressione sui sistemi esistenti
  • Modelli di reddito delle utility a prova di futuro
  • Adattamento ai modelli di infrastruttura ibrida

Riutilizzo dell’acqua per ridurre la pressione sui sistemi infrastrutturali

Se pensi alla maggior parte delle case nei paesi sviluppati, una volta che usi l’acqua lascia la casa. Tuttavia, ci sono molte opportunità per riutilizzare quell’acqua una o due volte prima che lasci la casa.

In questo momento, l’acqua di alta qualità entra nelle case, eppure viene utilizzata per scopi che non richiedono acqua di alta qualità. Quindi, il riutilizzo dell’acqua può ridurre la pressione sul nostro sistema infrastrutturale esistente e può anche ridurre il pedaggio del consumo di acqua sull’ambiente.

Anche se questa non è una cosa difficile da fare, dal momento che cambia i modelli di domanda, interrompe il modo in cui funzionano i nostri sistemi infrastrutturali e i modi in cui funzionano le utility. Trasforma i consumatori in quelli che io chiamo “prosumer” poiché producono e consumano acqua.

Quando riutilizziamo l’acqua, i modelli di domanda nella rete idrica cambieranno. Ciò significa in definitiva che abbiamo bisogno di un sistema di raccolta e tracciamento dei dati migliore in grado di comprendere in modo intelligente cosa entra, cosa esce e come deve essere gestita la pressione nei nostri tubi e pompe.

Costruire i futuri sistemi idrici ora

Se pensi alla maggior parte delle case nei paesi sviluppati, una volta che usi l’acqua lascia la casa. Tuttavia, ci sono molte opportunità per riutilizzare quell’acqua una o due volte prima che lasci la casa.

Attualmente stiamo costruendo città nuove di zecca che ci offrono fantastiche opportunità per ridisegnare le città tradizionali e ripensare il modo in cui usiamo l’acqua in queste comunità.

Possiamo incorporare il riciclaggio e il riutilizzo su ogni scala e ridurre al minimo la domanda concentrandoci sulle inefficienze che esistono in un sistema. Possiamo iniziare a pensare a come le infrastrutture centralizzate possano funzionare senza sistemi decentralizzati e come il modello ibrido che creiamo tra riciclaggio e riutilizzo e un sistema centralizzato possa funzionare in armonia senza causare problemi.

Modelli di business delle utility a prova di futuro

Le utility oggi hanno un modello di business molto specifico: garantire le forniture e fornire acqua ai consumatori. E così, quando si tratta di scarsità d’acqua, riduzione dell’uso dell’acqua e promozione del riciclaggio dell’acqua su ogni scala – qualcosa che va oltre l’intero sistema centralizzato – questo rompe il loro modello di business fondamentale.

Poiché il modello di business tradizionale si basa sulla domanda di acqua, alcune di queste utility – anche le utility di proprietà pubblica che non sono necessariamente nel business di fare soldi – iniziano a sperimentare problemi in quanto la riduzione delle entrate può influire sulla loro capacità di fare il loro lavoro.

La riduzione della domanda, o le soluzioni idriche decentralizzate, non sono necessariamente favorevoli all’attuale modello di business perché in molti modi sconvolgono la loro struttura delle entrate.

Come le utility possono adattarsi per essere in grado di affrontare le future sfide idriche

Con queste sfide in mente, i responsabili politici e i responsabili delle decisioni devono scegliere tra due linee d’azione. Uno è quello di cercare di far funzionare e mantenere gli attuali sistemi idrici il più a lungo possibile e sperare per il meglio.

Il secondo è quello di abbracciare gradualmente il cambiamento e cercare di adattare costantemente il proprio modello di business per adattarsi alle nuove infrastrutture ibride e ai modelli di reddito che consentono loro di gestire fattori dirompenti.

Gli strumenti più importanti che possono aiutarli a passare senza fallimenti sono le
tecnologie digitali
. Queste soluzioni consentono alle utility di capire come stanno cambiando le cose e rispondere alle domande relative ai diversi modelli che stanno vivendo e chi sta producendo cosa e quando.

Mentre questi tipi di modifiche sono più facili a dirsi che a farsi, ci sono diversi modi per le utility di affrontare questo.

Ad esempio, le utility sono progettate per garantire il maggior numero possibile di forniture e creare abbondanza di acqua per l’area che stanno servendo. Tuttavia, c’è un percorso diverso da questo che comporta il tentativo di ridurre il costo dell’investimento in soluzioni che possono potenzialmente diventare stranded asset a causa della mancanza di domanda per i sistemi.

Quando le utility comprendono meglio qual è la domanda e come sta cambiando la domanda, non hanno bisogno di investire in enormi infrastrutture centralizzate: possono incentivare internamente alcuni di questi cambiamenti distribuiti. In questo modo, possono ridurre il costo dell’infrastruttura che hanno costruendo soluzioni più piccole e distribuite su tutta la linea.

Un altro adattamento comporta il ripensamento del modo in cui è impostato il processo delle tariffe idriche.

Un altro modo è quello di ripensare il modo in cui hanno impostato il processo delle tariffe. Il processo è diverso per ogni utilità, ma molti hanno una particolare configurazione volumetrica per le tariffe. Una cosa che potrebbero fare è disaccoppiare le loro tariffe prendendo il costo di funzionamento e manutenzione dei loro sistemi per garantire che questo costo fisso sia sempre recuperato. Inoltre, hanno tassi volumetrici, che è fondamentalmente la quantità di acqua che le persone usano.

Ciò significa che non importa quanta acqua stai usando, devi pagare anche i costi fissi, così come la quantità di acqua che stai utilizzando. Separando i costi fissi e i costi variabili, le utility possono soddisfarli assicurandosi che ci siano entrate sufficienti per gestire e mantenere il sistema in modo sano. Infine, possono anche gestire i consumi separatamente, il che significa che man mano che si utilizza più acqua si paga di più, e man mano che si utilizza meno acqua si paga meno.

Esperti di Qatium

Newsha Ajami è uno degli esperti con cui stiamo lavorando per co-creare Qatium. Dai un’occhiata al suo profilo – e ad altri esperti con cui lavoriamo – qui.

Newsha Ajami

About Newsha Ajami