Skip to main content

[QTalks Ep.9]

Il ruolo di un operatore di servizi pubblici

Nei precedenti otto episodi di QTalks, abbiamo esaminato argomenti di alto livello come la sicurezza informatica, i gemelli digitali e la sicurezza idrica. – ma in questo speciale in due parti rispondiamo: cosa significa questo in realtà per le utility sul campo? Quelli che affrontano davvero gli impatti del cambiamento climatico e, in particolare, cosa significa per gli operatori delle utility.

Insieme al giornalista ambientale Tom Freyberg:

Qui puoi guardare la parte 1. Non dimenticare di scorrere per la parte 2!

Cosa significa la crescita della popolazione per gli investimenti infrastrutturali?

Tom ha aperto la discussione chiedendo a Doeke in che modo l’aumento della popolazione da 5,8 milioni di persone a 6 milioni di persone nei Paesi Bassi influenzerà gli investimenti in infrastrutture. Doeke ha riconosciuto che l’aumento della popolazione è un problema enorme poiché il paese si basa su pozzi di acque sotterranee che impiegano 15 anni per fornire acqua ai clienti.

Ha anche affermato che il cambiamento climatico sta influenzando il comportamento dei consumatori e che le utility devono adattarsi maggiormente a fattori esterni e che gli investimenti in nuove case con installazioni che possono aiutare a ridurre significativamente il consumo di acqua sono parte della soluzione.

Joukje, anche lui di Vitens, ha detto che stanno costruendo diversi gemelli digitali. Ciò li aiuterà a facilitare la condivisione delle conoscenze tra i dipendenti più anziani che stanno andando in pensione e una generazione più giovane di dipendenti che saranno in grado di accedere alle informazioni di rete in tempo reale.

I gemelli digitali, ha detto, forniranno loro anche informazioni in tempo reale sulla qualità dell’acqua – eliminando la dipendenza dai campioni di laboratorio – e li informeranno di come funziona l’impianto di produzione.

Audi ha commentato la sfida di prevedere il futuro come un’utility molto più piccola con solo cinque membri del personale. Ha detto che l’utilità, invece di cercare di guardare troppo avanti, si sta concentrando sull’utilizzo delle risorse che hanno in modo efficace e responsabile, nonché sulla conservazione dell’acqua.

Il ruolo dell’operatore nelle utility più piccole

Tom ha chiesto ad Audi di approfondire i diversi ruoli che ogni membro dello staff di Greenville svolge date le dimensioni dell’utilità.

Audi ha affermato di avere un operatore a tempo pieno sul campo e di aver collaborato con diversi fornitori di tecnologia, tra cui strip meter e dispositivi di ascolto acustico. Ha detto che uno dei suoi compiti principali è quello di rivedere i dati e individuare dove ci sono problemi e utilizzare le risorse umane di conseguenza per risolvere tali problemi.

Audi ha anche riconosciuto di indossare molti cappelli diversi nel suo ruolo di sovrintendente dell’acqua, tra cui la partecipazione a riunioni su PFAS e PFOS per rimanere aggiornato con le ultime normative.

Gemelli digitali e PFAS

Tom ha chiesto al panel della connessione tra gemelli digitali e PFAS. Joukje ha affermato che avere informazioni in tempo reale sulla qualità dell’acqua sta diventando molto più importante poiché vogliono essere in grado di informare i clienti dei problemi il prima possibile e prima che possano consumare l’acqua.

Infine, Chris ha affermato che ci sono molte soluzioni che stanno entrando nello spazio della qualità dell’acqua e che spera che le utility più piccole si assumano maggiori rischi e prendano in considerazione modelli di business più innovativi. Ha anche detto che i nuovi regolamenti alla fine li costringeranno a cambiare il modo in cui fanno le cose.

E non dimenticare la parte 2 …

In che modo le utility possono condividere conoscenze e best practice?

Tom ha chiesto al panel in che modo credono che il cambiamento comportamentale possa essere incoraggiato e se usano LinkedIn come fonte di condivisione delle conoscenze.

Audi ha affermato che gli operatori di servizi più piccoli nel sud dell’Indiana hanno sperimentato un certo grado di regionalizzazione guidato dalla legislazione e si riuniscono ogni trimestre per discutere di sfide ed esperienze condivise.

Doeke ha detto che mentre LinkedIn è una buona fonte per scoprire cosa stanno facendo e discutendo altre aziende, non lo considera una piattaforma di conoscenza. Ha detto che lo usa più come uno strumento di collaborazione per connettersi con gli altri nello spazio acquatico.

In che modo le utility possono attrarre e trattenere nuovi talenti?

La discussione si è poi spostata su come le utility possono attrarre e trattenere i talenti di fronte a un gran numero di ingegneri più anziani che vanno in pensione e se i social media hanno un ruolo da svolgere nel processo di acquisizione dei talenti.

Joukje ha detto che devono lavorare molto più duramente al giorno d’oggi per attirare professionisti dell’acqua di talento poiché tutti competono per lo stesso talento. Ha detto che intere campagne sono dedicate alla ricerca dei talenti giusti. Tom ha aggiunto che il fatto che i professionisti più giovani stiano probabilmente cercando di unirsi a organizzazioni orientate allo scopo, innovative e digital-first è un fattore che le aziende devono prendere in considerazione.

Chris ha convenuto che i dipendenti più giovani sono alla ricerca di un diverso tipo di datore di lavoro, socialmente responsabile e con uno scopo e una visione. Ha anche affermato che il mentoring può avere un enorme impatto sull’acquisizione efficace di talenti, ma che questa nozione si è in qualche modo esaurita con l’aumento degli accordi di lavoro globali.

In che modo i tutoraggi all’interno delle utility possono facilitare il cambiamento comportamentale?

Facendo seguito al commento di Chris sul mentoring, Tom ha chiesto al panel quale ruolo svolgono i mentoring nelle proprie organizzazioni e il potenziale per i dipendenti più anziani di lasciare un’eredità e una conoscenza alle spalle.

Doeke ha affermato che Vitens gestisce un programma di onboarding di successo che collega i nuovi principianti con altri in azienda e funge da tipo di programma di mentorship. Ha affermato che questo tipo di programma è essenziale in quanto il 30% dei loro dipendenti andrà in pensione entro il 2025 e le loro conoscenze devono essere acquisite e trasferite in modo efficace.

Chris ha detto che pensa che ci dovrebbe essere più di un senso di urgenza per quanto riguarda il trasferimento di conoscenze tra i dipendenti che presto andranno in pensione e la nuova generazione di dipendenti. Pensa anche che ci siano molte opportunità per il personale di livello senior di lasciare una grande eredità utilizzando la tecnologia per colmare il divario e migliorare l’efficienza delle utility in tal modo.

Audi ha poi continuato a commentare come le utility più piccole in genere hanno budget più piccoli e potrebbero avere difficoltà a offrire lo stesso pacchetto di stipendi e benefici che le utility più grandi possono. Tuttavia, ha affermato che ciò che è più importante è creare un ambiente in cui i dipendenti siano responsabilizzati, si sentano preziosi e sappiano che la loro esperienza e competenza contribuiscono allo scopo generale dell’organizzazione.

Come sarà il ruolo dell’operatore in futuro?

L’ultima domanda di Tom si è concentrata su come il panel vede il ruolo dell’operatore cambiare in futuro.

Doeke ha affermato che gli operatori rimarranno importanti attori chiave nel settore, in particolare per quanto riguarda questioni come la qualità dell’acqua e le PFAS. Ha anche affermato che l’industria in generale si sta muovendo molto più velocemente di quanto non facesse decenni fa e che la tecnologia come i gemelli digitali completerà la creatività di un operatore poiché è intrinsecamente un ruolo multi-qualificato.

Audi ha convenuto che l’elemento umano sarà sempre importante e che è improbabile che il ruolo di un operatore diventi defunto. Ha detto che la sua utility inizierà a concentrarsi maggiormente sulla collaborazione con le aziende che possono aiutarli ad analizzare e utilizzare i dati per migliorare le loro operazioni quotidiane. Ha anche detto che la comunicazione umana rimarrà una parte enorme del ruolo, specialmente nella comunicazione con i consumatori.

Concludendo la discussione, Chris ha affermato che molti operatori di servizi pubblici di tutte le dimensioni sono preoccupati per l’automazione e per come influenzerà le prospettive di lavoro. Ha detto che spera che le nuove tecnologie possano incoraggiare le persone a guardare al crossover tra tecnologia e industria come un’opportunità per essere più innovativi ed efficienti.

Pronti a scoprire altri contenuti QTalks

Visita il canale YouTube di Qatium per guardare questo episodio e quelli precedenti.

Qatium

About Qatium