Skip to main content

Si stima che un terzo di tutta l’acqua potabile prodotta venga “persa” prima di raggiungere il cliente. Queste perdite includono furto, manomissione e utilizzo noto senza fatturazione.

L’acqua non fatturata è stata un problema critico per molti anni, ma la quantità di acqua non fatturata non sta diminuendo. Questo è un problema enorme per le reti idriche, i consumatori e le utility, ma si sta intraprendendo poca azione da parte delle utility per ridurre queste perdite d’acqua.

In un documento intitolato “Perché i servizi idrici non agiscono sull’acqua non fatturata?“, Ho dato uno sguardo approfondito alle principali ragioni dell’inazione delle utility e ho dettagliato come le utility possono superare i problemi che stanno bloccando i progressi che possono essere fatti. Ancora più importante, ho esplorato le opzioni disponibili non solo per i servizi idrici, ma anche per i governi, le aziende private, le aziende pubbliche, gli organismi di regolamentazione, i politici e i consumatori che possono aiutare a risolvere il problema dell’acqua senza entrate.

Di seguito è riportata un’anteprima dei 12 motivi per cui credo che le utility non stiano agendo sull’acqua non fatturata. Troverai anche l’accesso al mio documento completo.

1/ Il costo di produzione dell’acqua è così basso che non è economicamente sostenibile agire

While the costs involved in producing water are often claimed to be reasonably low, the true costs aren’t fully understood or calculated accurately by any utility or body. The reality is that the costs involved in water production are not as low as it is often claimed

2/ Le perdite d’acqua segnalate sono già molto basse

Alcune aziende idriche sostengono perdite d’acqua fino al 3-7% (in alcuni casi ci sono affermazioni che lo 0% dell’acqua viene perso). In assenza di una terza parte indipendente, queste affermazioni possono essere supportate solo da misurazioni che ciascuna utility ha effettuato da sola.

La realtà è che nessun servizio idrico al mondo può misurare con precisione le perdite d’acqua che si verificano dall’estrazione alla consegna.

3/ Non ci sono metriche idriche collettive non redditizie da raggiungere

Mentre molte utility hanno obiettivi interni, vi è una netta mancanza di metriche applicabili e indicatori chiave di prestazione che si riferiscono agli obiettivi per i valori dell’acqua non redditizi.

4/ Politici e comuni sono molto sensibili alle questioni idriche

Le proteste in India e Irlanda negli ultimi anni hanno evidenziato le preoccupazioni dei consumatori che circondano il diritto di accesso ad acqua di qualità, e molte utility ritengono che i consumatori si lamenteranno se verranno intraprese azioni che li influenzeranno, l’acqua diventa troppo costosa o scoprono la vera quantità di acqua che viene persa.

5/ Mancanza di finanziamenti forniti dal governo per prendersi cura delle reti idriche

Con finanziamenti insufficienti per i servizi idrici, l’infrastruttura si è deteriorata, il che mette a rischio molti di loro. Poiché i governi sono generalmente di breve durata, sono spesso disposti a tagliare i finanziamenti per problemi che ritengono non si verificheranno durante il loro mandato.

6/ Mancanza di conoscenze tecniche all’interno dei servizi idrici

I dipendenti in pensione nelle utility non sono stati sostituiti a causa di una spinta a ridurre i costi, il che significa che non c’è stata un’iniezione delle giovani generazioni nella forza lavoro. Inoltre, a causa della natura conservativa e dell’età media della forza lavoro, ci sono stati pochi incentivi per l’innovazione o gli investimenti nel settore idrico.

7/ Mancanza di concorrenza nell’approvvigionamento idrico

I consumatori non sono in grado di scegliere un altro fornitore, indipendentemente da dove si trovino nel mondo quando le utility falliscono. Quando non c’è concorrenza, c’è pochissimo incentivo per i servizi idrici a migliorare.

8/ I servizi idrici non vogliono sfidare lo status quo

In molti casi, la gestione di un’azienda idrica cambia quando cambia il governo. Poiché ciò accade ogni 3 o 5 anni, c’è poco incentivo per le utility a lottare per i miglioramenti.

9/ I servizi idrici sono stati privatizzati e hanno obiettivi diversi

Ci sono molte questioni che circondano la privatizzazione, incluso il fatto che l’obbligo di trasformare i profitti può entrare in conflitto con l’obbligo di effettuare investimenti a lungo termine in attività e infrastrutture che dureranno 50 anni sul campo e le tariffe possono aumentare esponenzialmente a causa del desiderio dell’utility privata di aumentare il proprio reddito lordo. Questi fattori avvolgono la questione dell’acqua non redditizia.

10/ Mancanza di una sofisticata tecnologia dell’acqua

Storicamente, la natura conservatrice dell’industria idrica ha significato una netta mancanza di attenzione allo sviluppo di nuove tecnologie per l’industria idrica. Quando le aziende hanno sviluppato nuove tecnologie idriche, le utility sono state riluttanti a fidarsi e investire in esse.

La mancanza di nuove conoscenze tecniche ha fatto sì che le utility non abbiano mai apportato miglioramenti all’acqua non redditizia.

11/ I regolatori non sono interessati a imporre condizioni più severe

I regolatori dell’acqua generalmente non hanno molto interesse a imporre condizioni rigorose e controllo sui servizi idrici, poiché ciò potrebbe sollevare questioni che entrambe le parti desiderano essere tenute fuori dal dominio pubblico.

12/ Mancanza di educazione che circonda le questioni legate all’acqua

I problemi che circondano la scarsità d’acqua a causa di una popolazione in rapida espansione e la domanda di fornire a tutti l’acqua corrente sono stati resi più pubblici, e ora c’è una grande attenzione su questo.

Ciò crea anche un focus sulle perdite che si stanno verificando, ma ancora una volta, è difficile per le utility comunicarlo senza ricevere contraccolpi dai clienti.

Pronto a scoprire le opzioni a disposizione delle utility per affrontare il problema dell’acqua non a reddito?

Fino ad ora, poco è stato fatto per rimediare alla quantità di acqua “persa”. Come sappiamo, ridurre le perdite idriche non significa solo risparmiare risorse idriche di fronte alla scarsità, ma anche:

  • La riduzione dell’energia utilizzata per estrarre, pompare, trasportare e trattare sia le acque potabili che quelle reflue
  • La riduzione di CO2 che viene pompata nell’atmosfera grazie all’energia utilizzata per estrarre, pompare, trasportare e trattare sia le acque potabili che quelle reflue
  • La riduzione delle sostanze chimiche utilizzate per il trattamento delle acque e delle acque reflue
  • La riduzione delle infrastrutture necessarie per il trasporto e il trattamento delle acque potabili e reflue

Affrontando l’acqua non fatturata, le utility possono aumentare la loro efficienza, ridurre le spese energetiche ridondanti, evitare impatti ambientali significativi e ridurre i costi operativi complessivi.

Nella versione completa di questo white paper, fornisco 12 soluzioni complete a ciascuno dei 12 problemi sopra descritti per convincere le utility a pensarci due volte sul motivo per cui devono ancora affrontare le ragioni profondamente radicate che impediscono loro di agire sull’acqua non redditizia nelle loro reti.

Gavin van Tonder

About Gavin van Tonder