La tecnologia Digital Twin non è nuova, nemmeno per l’industria dell’acqua. Tuttavia, ci sono spesso idee sbagliate su quanto sia costoso e quanto sia difficile distribuirne uno. In questa breve intervista con il consulente di Qatium Dragan Savic , CEO di KWR Water e professore di idroinformatica presso l’Università di Exeter, parliamo delle migliori pratiche per l’implementazione di un gemello digitale. Di seguito è riportata la trascrizione. Se non hai familiarità con cos’è un gemello digitale e come può aiutare le aziende idriche a ottimizzare le prestazioni della rete, potresti voler rivedere il nostro post precedente per una panoramica.

[Transcript]
Procedure consigliate per la distribuzione di un gemello digitale

Come i Gemelli Digitali sono migliorati nel corso degli anni

C’è questo equivoco sui gemelli digitali. Storicamente, ci sono voluti molto tempo e molti sforzi per creare un modello online o in tempo reale. Al giorno d’oggi, con le moderne tecnologie e soluzioni digitali come quella offerta da Qatium, l’integrazione tra i dati in tempo reale e il modello può essere fatta molto più velocemente.

Perché integrare i dati in tempo reale con il Digital Twin

Una delle caratteristiche chiave del software è quella di avere il punto di ingresso per portare i dati, e in particolare i dati in tempo reale se si desidera far funzionare questi gemelli digitali per noi. E avere questa API (Application Programming Interface), in cui è possibile connettere direttamente le origini dati al modello, è la grande strada da percorrere. E in passato, c’erano alcuni pacchetti software che non lo avevano o non lo offrivano apertamente, quindi si è risolto con un modo per fornire dati al modello. Con le API le cose sono cambiate, e questo è il grande vantaggio di collegare il modello e i dati. Un componente chiave per la creazione di gemelli digitali.

In che modo gli operatori possono trarre vantaggio da un Digital Twin

Le utility hanno spesso uno o un paio di operatori che monitorano ciò che sta accadendo con i loro sistemi. E queste persone devono affrontare una serie di problemi nel loro lavoro quotidiano. E avere un modello online in grado di identificare un’anomalia, in grado di identificare quale potrebbe essere una potenziale soluzione, è enormemente utile per qualcuno in quella posizione. E queste persone sono di solito altamente qualificate, consentendo l’accesso a un Digital Twin in tempo reale può effettivamente consentire a molte più persone nell’organizzazione di utilizzare lo strumento e aiutare nel processo di correzione di errori o problemi all’interno del sistema, piuttosto che un solo professionista altamente qualificato.

Perché le utility dovrebbero imparare l’una dall’altra

Ci sono ovviamente utility che sono in anticipo sulla curva di adozione delle tecnologie digitali, e quelle utility sono di solito lì a causa della leadership. Ma non basta. Necessario, ma non abbastanza. Deve essere sia dall’alto verso il basso che dal basso verso l’alto un tipo di accettazione della necessità di una tale tecnologia per migliorare l’efficienza dei loro sistemi e il modo in cui funzionano.

D’altra parte, ci sono utility che sono in ritardo e molto spesso per motivi legittimi, hanno altre priorità al momento. Il mio consiglio sarebbe che hanno bisogno di parlare tra loro. Questo è il modo migliore per creare un gruppo di utility, per scambiare le migliori pratiche, per cercare di vedere quali sono le sfide comuni che potrebbero essere affrontate con queste nuove tecnologie. Questo è il modo migliore.

Ho parlato con molti direttori di servizi idrici che sottoscrivono questo e condividono le loro esperienze con gli altri, perché i primi utenti potrebbero adottare tecnologie che potrebbero essere superate in un anno o due. E questo è il rischio che stanno correndo, ma almeno possono condividere quell’esperienza con i loro colleghi, in modo da non commettere di nuovo gli stessi errori. Commettiamo nuovi errori.

Qatium Gemello Digitale

Implementare un Digital Twin come Qatium è facile. È possibile iniziare rapidamente a lavorare creando un account e caricando un set di dati GIS o un modello idraulico. L’interfaccia utente è semplice e intuitiva, quindi gli utenti non tecnici non richiedono formazione.

You might also like...