Skip to main content

Trasforma la celebrazione in azione

Il 22 marzo è la Giornata mondiale dell’acqua e nel 2022 i riflettori sono puntati sulle acque sotterranee. Secondo l’organizzazione ufficiale della Giornata mondiale dell’acqua delle Nazioni Unite :

“Le acque sotterranee sono invisibili, ma il loro impatto è visibile ovunque. Fuori dalla vista, sotto i nostri piedi, le acque sotterranee sono un tesoro nascosto che arricchisce le nostre vite. Quasi tutta l’acqua dolce liquida nel mondo è acqua sotterranea. Con il peggioramento del cambiamento climatico, le acque sotterranee diventeranno sempre più critiche. Dobbiamo lavorare insieme per gestire in modo sostenibile questa preziosa risorsa. Le acque sotterranee possono essere fuori dalla vista, ma non devono essere fuori di testa”.

La Giornata mondiale dell’acqua, celebrata il 22 marzo di ogni anno dal 1993, celebra l’acqua aumentando la consapevolezza della necessità di affrontare la crisi idrica mondiale, garantendo a tutti gli esseri umani l’accesso a un’acqua di qualità. Oggi, più di 2,2 miliardi di persone non lo fanno; che è quasi 3 su ogni 10 persone. La Giornata Mondiale dell’Acqua fa luce sulla disuguaglianza di accesso ai servizi WASH (Acqua, Servizi Igienico-Sanitari e Igiene) e sulla necessità di garantire il diritto umano all’acqua e ai servizi igienico-sanitari.

La disparità di accesso del mondo a WASH:

giornata mondiale dell'acqua accesso all'acqua

2,2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua potabile

*Popolazione mondiale totale

sanificazione della Giornata mondiale dell'acqua

Il 26% della popolazione mondiale non dispone di servizi igienico-sanitari di base (servizi igienici o latrine)

giornata mondiale dell'acqua morti per diarrea

432.000 decessi diarroici all’anno sono causati da servizi igienico-sanitari inadeguati

*1 : 100 000

Giornata mondiale dell'acqua acque reflue

Si ritiene che il 10% della popolazione mondiale consumi cibo irrigato dalle acque reflue

https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/sanitation

Origini della Giornata Mondiale dell’Acqua

L’idea della Giornata Mondiale dell’Acqua risale al giugno 1992, quando si svolse a Rio de Janeiro, in Brasile, la Conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente e lo Sviluppo (UNCED), nota anche come Vertice della Terra. L’obiettivo primario del Vertice della Terra di Rio era quello di produrre un nuovo progetto per l’azione internazionale sulle questioni ambientali e di sviluppo che avrebbe contribuito a guidare la cooperazione internazionale e le nuove politiche nel ventunesimo secolo.

Uno dei principali risultati dell’UNCED è stata l’Agenda 21, un piano d’azione globale che deve essere intrapreso a livello globale, nazionale e locale da organizzazioni del Sistema delle Nazioni Unite, governi e altri importanti gruppi.

Questa agenda ha raccolto nuove strategie su:

  • Educazione
  • Conservazione delle risorse naturali
  • Investimenti per lo sviluppo sostenibile globale

L’UNCED ha anche influenzato diversi eventi e azioni di sensibilizzazione, come la decisione adottata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di dichiarare il 22 marzo Giornata Mondiale dell’Acqua.

Perché celebrare una giornata internazionale dell’acqua?

Le giornate internazionali sono un’opportunità per educare il grande pubblico su questioni di interesse, per mobilitare la volontà politica e le risorse per affrontare i problemi globali, celebrando e rafforzando al contempo le conquiste umane.

UN-Water è il convocatore della Giornata Mondiale dell’Acqua e l’entità che mobilita organizzazioni di ogni tipo, sia a livello globale che locale.

In consultazione con altre organizzazioni delle Nazioni Unite, seleziona il tema annuale su cui concentrarsi ogni anno. UN-Water affronta anche questioni rilevanti relative all’acqua, come la scarsità, l’inquinamento, l’approvvigionamento inadeguato, la mancanza di servizi igienico-sanitari e gli impatti dei cambiamenti climatici. Come accennato, il tema di quest’anno è “Acque sotterranee”.

Nell’ambito della Giornata mondiale dell’acqua, le persone sono invitate a partecipare a una sfida condividendo le loro #MyGroundwaterStory in un video di 60 secondi. Guarda questo video per tutti i dettagli:

Verso un’economia circolare

Newsha Ajami, PhD, Chief Strategy and Development Officer for Research presso il Berkeley Lab Earth and Environmental Sciences Area (EESA), spiega come la Giornata Mondiale dell’Acqua sia un’opportunità per noi di rivisitare il nostro rapporto con l’acqua. Invece di considerare il consumo di acqua in termini di abbondanza, il Dr. Ajami ci incoraggia a pensare in termini di un’economia circolare in cui l’acqua viene riutilizzata per esigenze che non richiedono acqua di alta qualità come sciacquare un bagno e annaffiare un prato.

Newsha Ajamai, PhD - Chief Strategy and Development Officer for Research - Berkeley Lab Earth

La percentuale di acqua che usiamo quotidianamente che in realtà fa parte dei nostri bisogni essenziali, ciò di cui abbiamo bisogno per essere super puliti e incontaminati, non è così grande. Il resto di quell'acqua non ha bisogno di essere acqua di alta qualità. A meno che non creiamo un'economia circolare, non possiamo davvero diventare più efficienti con il modo in cui usiamo l'acqua.

Newsha Ajamai, PhDChief Strategy and Development Officer per la ricerca - Berkeley Lab Earth

Le giornate internazionali raggiungono effettivamente i loro obiettivi?

Secondo Elisa Stefan, ingegnere ambientale, ricercatrice e specialista in gestione delle risorse idriche, “al di là degli articoli romantici su come l’acqua sia essenziale per la vita, la Giornata mondiale dell’acqua è fondamentale per riflettere su quanto siamo lontani dalla sicurezza idrica mondiale. In molte città, le crisi idriche stanno diventando più frequenti e i fiumi urbani sono morti. 790 milioni di persone (l’11% della popolazione mondiale) non hanno accesso a un migliore approvvigionamento idrico. Questo non è un giorno da festeggiare. È un giorno per cambiare e iniziare ad agire.

Avere una giornata internazionale significa avere uno spazio nell’agenda dei media per aumentare la consapevolezza della sfida per generare un piano per una soluzione.

ingegneri della Giornata mondiale dell'acqua

Gruppo di ingegneri che costruiscono un sistema di drenaggio

Secondo Tom Freyberg, direttore di Atlantean Media, “Non raggiungeremo l’obiettivo di sviluppo sostenibile 6 (acqua pulita e servizi igienico-sanitari per tutti entro il 2030) a meno che non vi sia uno sforzo coordinato tra più parti interessate. Abbiamo bisogno di un pregiudizio collettivo per l’azione: non domani, non per il 2050, ma oggi. Data la portata della sfida che ci attende, abbiamo bisogno che ogni giorno sia una Giornata Mondiale dell’Acqua”.

In questo contesto, la tecnologia può essere il miglior alleato. Al giorno d’oggi, galloni e galloni di acqua trattata vengono persi a causa di una gestione inefficiente dell’acqua. Ma l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per raccogliere informazioni e produrre analisi predittive per prendere decisioni migliori può essere una delle migliori soluzioni possibili.

Quindi, se vogliamo garantire un accesso all’acqua di qualità a ogni essere umano, è tempo di tradurre la celebrazione in azione.

Data la portata della sfida che ci attende, abbiamo bisogno ogni giorno di essere una Giornata Mondiale dell'Acqua.

Tom FreybergFondatore e Direttore di Atlantean Media
Qatium

About Qatium